usare un disinfettante naturale consente di evitare gli effetti di un'intossicazione da candeggina

Intossicazione da candeggina: vantaggi di un disinfettante naturale

L’intossicazione da candeggina nei cani e nei gatti è più comune di quanto si pensi. L’uso di questo potente disinfettante per sanificare gli ambienti dove vivono anche animali domestici è tanto frequente, quanto pericoloso.

La candeggina è tossica per gli animali domestici. Questo è fuori di dubbio. Ma la questione, comunque, è molto più complessa. 

La tossicità di questo agente sanificante, infatti, dipende da come l’animale sia venuto in contatto e, soprattutto, in che quantità l’abbia inalata o ingerita. 

In ogni caso, è bene prestare sempre molta attenzione e, al minimo sospetto di avvelenamento, contattare il veterinario, che saprà consigliarti al meglio sul da farsi.

In questo articolo, cercheremo di capire innanzitutto quali sono i rischi connessi al contatto e all’inalazione di candeggina e, in secondo luogo, come fare per proteggere la salute del tuo amato cucciolo.

Continua a leggere.

I rischi di un’intossicazione da candeggina nei cani e nei gatti

La candeggina, così come l’alcol, è tra i prodotti più usati per disinfettare una casa con un cane o un gatto, ma non sempre è la scelta ideale.

La candeggina che si utilizza per sanificare è solitamente quella di uso domestico con pH 11 che è altamente irritante ma non corrosiva. 

Tuttavia, l’inalazione dei fumi di questa sostanza, il contatto o l’ingestione in grandi quantità potrebbero risultare particolarmente dannosi per i nostri amati Fido e Micio.

I pericoli di un’intossicazione dovuta a candeggina vanno dall’irritazione dei tessuti interni a lesioni lungo l’esofago e nello stomaco, che richiedono settimane o addirittura mesi per guarire.

Purtroppo cani e gatti sono attratti dal forte odore della candeggina. Basta un attimo di distrazione, un secchio per le pulizie di casa lasciato incustodito, e l’irresistibile tentazione di bere quell’acqua tossica dei nostri amici a quattro zampe, a complicare le cose.

Image

Kit SANIBIOvet

Kit SANIBIOvet

39,00 iva incl.
39,00 iva incl.
Acquista il KIT

Assodato che respirare candeggina fa male a un cane o a un gatto, così come l’ingestione accidentale della sostanza. Se sospetti un avvelenamento da candeggina, ecco tutti i sintomi a cui prestare attenzione:

  1. Tosse;
  2. Vomito;
  3. Diarrea;
  4. Salivazione eccessiva;
  5. Tremori;
  6. Convulsioni;
  7. Ustioni all’interno della bocca, alle zampe o sul muso;
  8. Letargia;
  9. Pressione bassa.

In caso di ingestione o inalazione di candeggina, i sintomi sopraelencati iniziano dopo pochi minuti. Alcuni tendono ad attenuarsi nel giro di poche ore dalla loro comparsa, altri – come irritazioni corrosive e ustione – richiederanno più tempo per guarire.

Cosa devi fare se il tuo cane o il tuo gatto ha bevuto o inalato candeggina? Scoprilo leggendo il prossimo paragrafo.

Contatto o inalazione di candeggina: cosa fare?

Nell’eventualità di un contatto o inalazione di candeggina vi sono molti rimedi immediati da mettere in atto. L’importante, in questi casi, è agire con tempestività e senza farsi prendere dal panico.

Se il cane o il gatto ha ingerito candeggina concentrata, il nostro consiglio è di contattare subito il tuo veterinario di fiducia. 

Nel caso di un’intossicazione leggera per contatto, ingestione o inalazione di candeggina diluita con acqua, ecco cosa puoi fare nell’immediato, prima di rivolgerti comunque al veterinario:

  • Alleviare l’irritazione di cute e zampe con un bagno a base di shampoo neutro e delicato;
  • Sciacquare con abbondante acqua tiepida occhi e bocca dell’animale;
  • Incoraggiare il primo cucciolo a bere tanta acqua oppure, in alternativa, il latte che ha un effetto neutralizzante sulla candeggina.

Se l’irritazione o l’ustione da candeggina ha colpito i polpastrelli, è opportuno prendersi cura delle zampe sciacquandole e tamponandole delicatamente con garze sterili. 

In caso di ustioni profonde è bene anche disinfettare le zampe del cane o del gatto, per evitare il sopraggiungere di infezioni pericolose per la sua salute.

Ora che sai come agire di fronte ad un’intossicazione da candeggina, vediamo nel prossimo paragrafo cosa puoi fare per prevenirla.

Prevenire Intossicazione da Candeggina: vantaggi di utilizzare un disinfettante naturale

Poiché la candeggina è considerata una sostanza disinfettante di comune utilizzo, è necessario adottare alcuni piccoli accorgimenti per evitare che il proprio cane o gatto possa andare incontro a diversi pericoli. 

Sicuramente, il modo migliore per prevenire un’intossicazione da candeggina è tenere ben lontani i propri animali mentre si pulisce casa. 

In secondo luogo, andrebbe sempre ben risciacquato il pavimento una volta disinfettato, nonché aperte le finestre per arieggiare la stanza evitando che il nostro cucciolo possa respirare la candeggina.

Terzo, ma non meno importante consiglio, è utilizzare disinfettanti atossici, meno aggressivi e pet friendly

Quali sono i vantaggi di usare prodotti naturali per disinfettare invece della candeggina? Un disinfettante naturale è nella maggior parte dei casi un prodotto:

  • Biocompatibile;
  • Inodore;
  • Efficace nell’eliminare funghi, virus e batteri;
  • Non aggressivo su tessuti e superfici;
  • Non caustico.

Vivere in una casa con un pelosetto non è una passeggiata. La loro presenza tra le mura domestiche richiede una cura costante ed un’igiene profonda degli ambienti che vivono quotidianamente.

Protezione e Prevenzione. Due semplici parole che significano tanto. 

Image

Kit SANIBIOvet

SCONTO

39,00 iva incl.
Acquista il KIT
Image

SANIBIOvet 750 (+100ml omaggio)

25,90 iva incl.
Acquista 750ml
Image

SANIBIOvet 250 ml (+ 100ml omaggio)

22,90 iva incl.
Acquista 250ml

Prendersi cura del benessere dei nostri amici pelosi vuol dire anche saper scegliere i prodotti migliori per disinfettare la nostra casa.

Se optare per la candeggina sembra la decisione più scontata, trascurare i rischi equivale a compromettere la salute dei nostri amati pets. Dimostra al tuo cucciolo tutto l’amore che provi per lui con una scelta consapevole e sicura.

Continua a seguirci per scoprire tutti i segreti per aver cura al meglio del benessere del tuo amico a quattro zampe.

Comments 1

  1. Pingback: Rischi e pericoli della toelettatura di cani e gatti - SANIBIOvet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.