gatto in estate

Gatto in estate: come prendersene cura e proteggerlo dal caldo

I nostri felini domestici amano stare al caldo e crogiolarsi al sole ma, in realtà, anche il gatto in estate può soffrire a causa dell’eccessivo aumento della temperatura

Come per alcune razze di cani che soffrono il caldo, l’afa è un nemico anche per Micio, che potrebbe iniziare a presentare malesseri fisici anche gravi se esposto a un clima torrido.

Quali sono i sintomi di un’insolazione o di un colpo di calore

Purtroppo, la sintomatologia in questi casi è molto varia: al minimo sospetto è bene rinfrescare il gatto e portarlo immediatamente dal veterinario. Agire tempestivamente in una situazione del genere può salvare l’animale.

Per aiutare il tuo micio ad affrontare al meglio il periodo estivo occorre:

  • Imparare a riconoscere i sintomi di un’ipertermia;
  • Mettere in atto una serie di stratagemmi per evitare di esporlo a un simile rischio.

In questo articolo abbiamo raccolto tutte le informazioni che possono esserti utili per capire se il tuo gatto sta soffrendo il caldo e la sua salute è in pericolo. Inoltre troverai elencati alcuni semplici accorgimenti che puoi sfruttare per proteggerlo dalle alte temperature.

Continua la lettura.

Gatto che soffre il caldo: i sintomi che ti aiutano a capirlo

I gatti sono animali molto discreti e silenziosi e in caso di malessere tendono a isolarsi. Per questo può essere difficile capire se stanno male per le alte temperature oppure se si tratta solo di una nostra preoccupazione infondata.

Prestando però attenzione al linguaggio del proprio gatto e interpretandolo correttamente, diventa più semplice capire come sta Micio. 

Per i gatti gli sbalzi di temperatura sono davvero fastidiosi e quando il termometro supera i 30-32 gradi è molto probabile che l’animale cominci a mostrare qualche segno di insofferenza.

L’afa estiva è poco tollerata e pericolosa per tutti i gatti, ma lo è in particolar modo per gli esemplari:

  1. Con patologie pregresse;
  2. Anziani;
  3. In sovrappeso;
  4. A pelo lungo come Maine Coon e Persiani.

Così come i cani, anche i gatti non hanno ghiandole sudoripare posizionate sull’intero corpo ma esclusivamente nella zona dei polpastrelli e faticano così a disperdere il calore. 

Per riuscire a regolare la temperatura corporea, respirano con la bocca aperta e la lingua fuori. Se questa condizione si protrae per diverso tempo e il gatto è caldo al tatto, significa che non riesce a dissipare il calore che ha in corpo. 

Oltre al respiro affannato, potrebbero comparire altri sintomi, tra cui:

  • Stato di affaticamento generale;
  • Tremore;
  • Inappetenza;
  • Febbre;
  • Vomito;
  • Mucose arrossate;
  • Emorragie.

In situazioni del genere è necessario cercare di abbassare velocemente la temperatura dell’animale, bagnando il suo corpo e le mucose con acqua fresca e contattare tempestivamente il proprio veterinario di fiducia.

La sintomatologia che abbiamo appena elencato potrebbe essere presagio, nei casi più gravi, del colpo di calore, una condizione di ipertermia che si verifica quando la temperatura corporea del gatto supera i 40 gradi

Può provocare gravi danni e addirittura rivelarsi letale, se non si interviene in tempi brevissimi. Per evitarlo e aiutare il tuo gatto a difendersi dal caldo estremo in estate, c’è qualche piccolo accorgimento che puoi mettere in atto. Ne parliamo al paragrafo successivo.

Leggi anche: “Come aver cura dei gatti senza pelo: i nostri consigli”.

Come rinfrescare i gatti d’estate?

Per rendere più sopportabili le interminabili e afose giornate estive per il tuo gatto, ci sono diversi accorgimenti che puoi adottare. 

Innanzitutto, per scongiurare gli scenari peggiori è necessario lasciare sempre acqua freschissima a disposizione dell’animale e non lasciarlo chiuso in balconi o verande

Inoltre, puoi anche:

  1. Spazzolarlo ogni giorno: il manto dei gatti ha un fitto sottopelo che se non curato tende ad arruffarsi. Quando la muta del pelo del gatto in estate è terminata, spazzola con costanza, lo aiuterai a mantenere il manto districato, favorendo così la circolazione dell’aria; 
  2. Bagnarlo con un panno umido:  pur non amando l’umidità, nelle giornate più afose i gatti potrebbero apprezzare il refrigerio dell’acqua. Inumidisci un panno, strizza bene e strofinalo delicatamente sul dorso del tuo amico a quattro zampe;
  3. Acquistare un tappetino refrigerante: se il tuo micio non ama l’acqua, puoi procurarti un tappetino autorefrigerante. A base di gel atossici, mantengono fresco il gatto senza bisogno bagnarlo;
  4. Offrirgli un nascondiglio fresco: i gatti amano nascondersi ovunque in casa, ma alcuni dei luoghi preferiti di Micio potrebbero essere eccessivamente caldi in estate. Ricrea una “tana estiva” con uno scatolone posizionato in un angolo fresco;
  5. Moderare l’attività fisica: giocare con i nostri amici a quattro zampe permette di dare sfogo ai loro istinti e di rafforzare il rapporto animale-padrone. In estate, però, è bene lasciare tranquillo il gatto, soprattutto nelle ore più calde.

I fenomeni di ipertermia spaventano i proprietari di animali domestici e l’estate può diventare un periodo molto stressante. Come vedi però, basta poco per riuscire a scongiurare le problematiche di salute che derivano dalle alte temperature.

Nel prossimo paragrafo ti diamo qualche altro consiglio per affrontare al meglio i mesi estivi insieme al tuo piccolo amico felino! Continua la lettura.

Aiutare il gatto a superare l’estate: i nostri consigli

Per aiutare il tuo gatto a mantenersi in forma anche durante le giornate più calde dovrai rivedere leggermente la sua routine quotidiana e organizzare al meglio l’ambiente in cui vive

Ecco di cosa non dobbiamo dimenticarci quando le temperature si alzano.

  • Tieni fresco l’ambiente: in estate le nostre abitazioni rischiano di diventare un forno. Cerca di evitarlo, abbassando serrande e tapparelle nelle ore più calde e lasciando le finestre aperte per far circolare l’aria;
  • Utilizza un ventilatore: i condizionatori tengono sotto controllo la temperatura, ma non sono ottimali per i gatti, così sensibili agli sbalzi di temperatura. Opta per un ventilatore e un deumidificatore per le stanze in cui Micio trascorre più tempo; 
  • Rivedi la sua alimentazione: il tuo gatto in estate mangia poco? Un po’ di inappetenza col caldo è normale, ma chiedi al tuo veterinario se la sua dieta è adatta a coprire le sue esigenze nutrizionali anche in questa stagione. Quando fa molto caldo, infatti, sarebbe utile scegliere cibo umido e facilmente digeribile.

Per il gatto, l’estate può essere un momento critico, ma non è il caso farsi prendere dall’ansia: con le giuste accortezze potrai aiutare il tuo piccolo amico a trascorrere serenamente anche i mesi più caldi dell’anno!

Continua a seguirci. Nel nostro blog troverai sempre tanti consigli e suggerimenti per migliorare il benessere del tuo gatto e proteggerlo da ogni pericolo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.