Alitosi del cane: come proteggere la salute orale del tuo cucciolo

L’alitosi del cane è un disturbo molto frequente che interessa tutti i nostri amici a quattro zampe, qualsiasi sia la loro età o razza.

Quante volte ti sarà capitato di avvicinarti al tuo cucciolo per dargli un bacino o fargli una carezza, ed essere rimasto interdetto dall’odore sgradevole che emanava la sua bocca? Purtroppo, non è raro che l’alito di un cane puzzi di pesce o emani odori insopportabili di putrefazione.

Il fastidio nel condividere dei momenti di vicinanza con la tua bestiola è una reazione del tutto comprensibile, ma l’alito cattivo del tuo cane anziano o del tuo cucciolo è un fenomeno da non sottovalutare né da trascurare, perché alla lunga potrebbe avere conseguenze ben più gravi per la salute del tuo animale.

In questo articolo ti spiegheremo quali sono le cause dell’alito cattivo, ma soprattutto come puoi contrastare efficacemente l’alitosi del tuo cane adottando rimedi naturali, atossici e biocompatibili.

Image

Kit SANIBIOvet

Kit SANIBIOvet

39,00 iva incl.
39,00 iva incl.
Acquista il KIT

Cosa si nasconde dietro l’alitosi del cane?

L’alitosi nel cane può avere diverse cause, ma l’indiziata numero uno resta sempre la scarsa igiene orale, dalla quale dipende la proliferazione dei batteri nel cavo orale dell’animale. 

In altre circostanze, invece, l’alito cattivo  può essere causato anche da patologie più serie che coinvolgono l’apparato gastrointestinale, il fegato o i reni. In generale, comunque, le tre cause principali che determinano l’alitosi del cane sono:

  • Una scarsa igiene orale;
  • La presenza di parassiti intestinali;
  • Disturbi di digestione.

Cerchiamo di analizzare nel dettaglio queste cause, in modo da capire come puoi intervenire per proteggere la salute del tuo animale domestico.

1.Una scarsa igiene orale provoca l’alitosi del cane

Un cattivo odore persistente dell’alito è quasi sempre, nella migliore delle ipotesi, la spia di una scarsa igiene orale. Come per gli esseri umani, l’alito cattivo negli animali a quattro zampe dipende dalla proliferazione dei batteri che costituiscono la placca dentale.

Questi microrganismi patogeni sono i responsabili della produzione di composti volatili a base di zolfo, da cui dipende quell’odore nauseabondo di pesce e uova marce, caratteristico dell’alito cattivo.

Cani e gatti non sono in grado di pulirsi da soli la bocca e i residui di cibo tra i denti sono il nutrimento ideale dei batteri della placca. La placca, calcificandosi, può portare alla formazione del tartaro, ma anche a patologie dentali serie come carie, parodontite e infiammazione delle gengive.

2. Quando l’alitosi del cane è causata da parassiti intestinali

I vermi intestinali di varie specie possono colonizzare il tratto enterico del nostro Fido, causando svariati disturbi come la malnutrizione o l’anemia. L’alitosi, soprattutto in un cane ancora cucciolo, è spesso il sintomo più evidente della presenza di parassiti all’interno del suo intestino.

Solitamente, infatti, l’infestazione parassitaria si manifesta con un pungente odore agliaceo, che caratterizza l’alito del nostro amato pet. 

3. Problemi di digestione e alitosi del cane

L’alitosi può avere come causa anche disturbi di cattiva digestione. Può capitare, infatti, che il cardias – la valvola presente tra esofago e stomaco – non riesca a trattenere come dovrebbe i succhi gastrici, che risalendo fino alla bocca provocano un odore anomalo, dal sentore acido.

La maggior parte delle volte, comunque, l’alitosi nel cane si può ricondurre alla formazione di placca e tartaro, e, più in generale, ad un pessimo stato di salute del cavo orale.

Se hai notato che il tuo cane ha un alito particolarmente pesante e maleodorante, la prima cosa da fare è portarlo dal tuo veterinario per un controllo accurato che possa risalire alla vera causa del problema.

In ogni caso, per l’alitosi del cane esistono anche piccoli rimedi che ti aiuteranno a prenderti cura del tuo cucciolo e a prevenire ogni suo problema di salute.

Scopri quali sono leggendo i prossimi paragrafi.

Il tuo cane ha un alito terribile? Ecco cosa puoi fare

La scarsa igiene orale è la causa numero uno dell’alitosi del nostro amico a quattro zampe, ma è anche di un problema facilmente risolvibile con i giusti accorgimenti.

Si tratta, soprattutto, di prendersi cura della salute del proprio cane, adottando buone pratiche e sane abitudini in grado, soprattutto, di prevenire la causa principale dell’alitosi: l’igiene orale inadeguata.

Alitosi del cane: come si può prevenire?

  • Abituando il tuo cucciolo a farsi pulire i denti sin da piccolo con appositi spazzolini e dentifrici adatti ai cani o con un po’ di bicarbonato disciolto in acqua;
  • Curando l’alimentazione del cane, evitando scatolette e cibo casalingo e privilegiando, invece, cibi secchi e crocchette adatte a svolgere un’azione antiplacca naturale;
  • Somministrando probiotici per mantenere l’intestino del cane sano, riequilibrando la naturale flora batterica;
  • Dando al cane degli snack a base di fluoro che, se masticati, aiutano a tenere i denti puliti da placca e tartaro;
  • Utilizzando degli integratori specifici ad azione enzimatica da mescolare al cibo, che aiutano a ridurre la placca.

Anche far controllare regolarmente il tuo cane dal veterinario di fiducia è tra i modi migliori per assicurarsi che la bocca del tuo Fido sia in perfetta salute.

In ogni caso, se ti sei accorto che il tuo animale ha la tendenza a formare placca e tartaro, e quindi anche all’alito cattivo, puoi anche ricorrere a rimedi naturali per l’alitosi del cane con sostanze antibatteriche in grado di ridurre l’insorgere di questo problema.

Image

Kit SANIBIOvet

SCONTO

39,00 iva incl.
Acquista il KIT
Image

SANIBIOvet 750 (+100ml omaggio)

25,90 iva incl.
Acquista 750ml
Image

SANIBIOvet 250 ml (+ 100ml omaggio)

22,90 iva incl.
Acquista 250ml

Come puoi contrastare l’alitosi del cane con prodotti naturali e atossici

Un disinfettante naturale rappresenta una soluzione efficace per prevenire e contrastare la carica batterica presente nel cavo orale del tuo cucciolo.

Utilizzando un prodotto disinfettante spray direttamente nelle fauci del tuo cucciolo potrai annientare in pochissimo tempo tutti i batteri conosciuti, migliorando decisamente anche l’alito del cane.

L’importante è che si tratti di un prodotto con composizione naturale che offra efficacia e protezione duratura da germi, virus e batteri. 

Inoltre, il disinfettante ideale dovrebbe essere atossico, non irritante, biocompatibile, nonché agire in maniera semplice per contrastare i batteri che si annidano nel cavo orale di un cane.

In questo modo, l’alito cattivo del tuo amico a quattro zampe tornerà ad essere fresco e gradevole, e i suoi denti sani e splendenti.

Non allontanare il tuo cane solo perché ha l’alitosi, ma prenditi cura del suo benessere.

In questo modo, tu ed il tuo cucciolo tornerete a stare vicini e a condividere tanti bei momenti piacevoli in assoluta tranquillità

Continua a leggerci per conoscere come prenderti cura al meglio della salute del tuo animale domestico.

Comments 1

  1. Pingback: 5 malattie che colpiscono il cane - SANIBIOvet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.